La Proposta Formativa

Gli Specialisti dell'immagine: una doppia formazione

Al termine del percorso di studio gli allievi, grazie alla acquisizione di una doppia formazione artistica e psicologica, diventano Arteterapeuti, cioè specialisti dell'immagine (un veicolo di comunicazione con vissuti da decodificare), e sono in grado di comprendere e gestire l'immaginario di persone in difficoltà. Bypassando il concetto dell'interpretazione e il giudizio estetico, si avvalgono di un sofisticato sistema di decodifica (modello polisegnico) verificato su decine di casi clinici, in centinaia di percorsi arteterapeutici e nello studio di migliaia di disegni, dipinti, sculture, foto, graffiti.

La conduzione di Atelier

Al termine del triennio di formazione si è in condizione di progettare e gestire Atelier di Arteterapia rivolti a utenze differenti. Con le opportune cornici teorico-metodologiche si è in grado di proporre percorsi terapeutici individualizzati, costruire setting adeguati, conoscere le tecniche e i materiali per affrontare i problemi dell'utenza. Molta attenzione è data al management dell'Arteterapia (lavorare per progetti, territorialità, integrazione, fattori di qualità) e al coordinamento fra i diversi Atelier nelle province di appartenenza.

A CHI SI RIVOLGE

L'impianto concettuale e didattico della Scuola d'Arteterapia ArTeA è fortemente centrato sull'allievo e propone un sistema modulare di formazione e tutoring adatto a:
• Psicoterapeuti (iscritti all'Albo o in formazione)
• Operatori in servizio nelle aree del disagio psicologico e sociale, della fragilità, della prevenzione
• Allievi che hanno completato o che possiedono una formazione in Arteterapia che ritengono insufficiente o frammentaria
• Artisti che rivestono ruoli in Istituzioni sanitarie o sociali

Requisiti d'ammissione
L'allievo per accedere a una delle Scuole di ArTeA deve necessariamente avere:
• Età minima 24 anni;
• Possesso di Laurea (o laurea breve, o diploma universitario) in ambito sanitario, psicologico, pedagogico, socio-assistenziale o artistico;

• Oppure, in assenza di questo requisito, essere dipendente da almeno tre anni in un Servizio socio-sanitario; 

• Partecipato allo stage propedeutico;
• Sostenuto un colloquio;
• Un curriculum adeguato.


Una lunga storia

I nostri Formatori sono innanzitutto arteterapeuti o addirittura pionieri dell'Arteterapia italiana; non "cultori" approdati alla materia, ma professionisti con decenni di pratica clinica e gestione di casi con la terapia artistica; attivi da sempre nelle iniziative del settore.
  • Achille De Gregorio
  • Elena Giordano
  • Patrizia Binoni
  • Luigi Castelli
  • Maria Grazia De Vita
  • Agnese Galotti
  • Cinzia Caronda
  • Tiziana Bellini
  • Maurizio Carandini
  • Lorena Pischedda
  • Liliana Brivio
  • Alfredo De Risio
  • Rita Marizza
  • Fabiola Coccato
  • Giuseppe Gliatta
  • Genny Giordano
  • Benedetta Ammassari
  • Laura Milazzo
prev next
 

Struttura della Scuola

L'offerta formativa di ArTeA prevede:
1. corso triennale di specializzazione in arteterapia;
2. giornate di alta formazione rivolte agli specializzati del triennio;
3. convegni e residenziale estivi di arteterapia clinica;
4. corsi brevi di formazione ad hoc per enti pubblici e privati.

FORMAZIONE TRIENNALE
Il monte ore dell'offerta formativa è costituito da un minimo di 350 ore di lezioni frontali e seminari, più 110 ore di iter arteterapeutico personale, più 400 ore di pratica di tirocinio in atelier di arteterapia con almeno due o più utenze differenti.
Possibilità di un monte ore aggiuntivo, personalizzato, di 200 ore di seminari tematici da svolgere nel triennio della formazione di base.
Dopo lo stage propedeutico di 8 ore che consente di conoscerci e di poter accedere alla formazione, e dopo l'eventuale colloquio d'orientamento, si accede a:
next
ArTeA è un'associazione non profit; la quota annuale è mirata a coprire i costi effettivi dell'organizzazione e comprende l'intera offerta formativa di ciascun anno sopra descritta (lezioni, seminari obbligatori, supervisione di atelier sui casi trattati, tutoring, iter arteterapeutico personale, tirocinio, esami e tesi conclusiva) e della copertura assicurativa.
E' previsto un contributo integrativo unicamente per i seminari facoltativi aggiuntivi e per i Residenziali di cinque giorni, che si tengono in strutture alberghiere con pensione completa.
ALTA FORMAZIONE

Gli allievi già specializzati possono accedere ad un ulteriore percorso facoltativo che prevede incontri d'aula ogni due/tre mesi e altri appuntamenti modulabili secondo i seguenti argomenti:
next
I dettagli alle diverse voci sono approfonditi nel depliant di ArTeA
 

Sedi delle Scuole

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN ARTETERAPIA "ArTeA"






Direttore del programma: M.o Achille De Gregorio


Sedi delle Scuole a Milano, Pordenone, Bolzano, Trani, Catania.
In centro-Sud la prossima Scuola di ArTeA


INFO SULLA FORMAZIONE: 02 8940 8101


Sede delle Supervisioni a Milano, Genova, Pordenone, Monza, Udine, Cagliari.

Uffici di contatto a Milano, Firenze, Cagliari, Gorizia, Genova, Vicenza, Trieste, Padova, Verona.


La Scuola di specializzazione in ArteTerapia ArTeA è riconosciuta da un radicamento più che decennale sul campo, nei servizi sociali e sanitari del territorio italiano ed è accreditata dall'A.P.I.Ar.T. (Associazione Professionale Italiana degli ArteTerapeuti).

 

Scenari professionali



Il settore delle Arti Terapie è in continua evoluzione: i modelli teorici e le metodiche applicative segnano le nuove frontiere della creatività applicata al sanitario e al sociale. La Scuola prepara a queste professionalità emergenti legate all'Arteterapia:
-
operatori specializzati in arteterapia possiedono e conservano la propria specifica identità professionale integrandola con competenze arteterapeutiche (almeno 850 ore di formazione);
-
arteterapeuti professionisti che si propongono nell'area del sociale e della salute, sul mercato pubblico e privato, con una specializzazione prevalente in questa disciplina (almeno 1200 ore di formazione);
-
arte-psicoterapeuti psicoterapeuti legalmente riconosciuti, iscritti all'Albo professionale, che utilizzano il codice artistico come mediatore di relazione (almeno 850 ore di formazione).


Le strutture sociali e sanitarie all'interno delle quali ognuna di queste figure trova collocazione sono diverse: nei servizi psichiatrici, per l'handicap, per la tossicodipendenza, per l'adolescenza; nelle scuole, nelle Aziende socio-sanitarie e nei reparti ospedalieri, nel settore privato della riabilitazione, negli Istituti penitenziari, nelle comunità, nei Centri diurni e di ricovero per anziani, negli studi di psicoterapia e medici.
    
prev next
P.IVA 03396720967 - C.F. 90085900273